• Mindfulness Immaginale e Shinrin Yoku

    Meditazione per la Pace

    Meditazione gratuita del 28 marzo 2022 Per tenerti aggiornato iscriviti al mio canale, riceverai su You Tube tutte le registrazioni. Le meditazioni verranno trasmesse in diretta su Telegram, dal mio sito www.barbaranordio.com trovi i link diretti ai social.

  • Mindfulness Immaginale e Shinrin Yoku

    Fare Anima

    Penso che questa sia la miglior sintesi di un concetto spesso non facile da comprendere: “Non possiamo stare separati dalla nostra anima troppo a lungo ma, se non sappiamo riconoscere nell’intrico oscuro della boscaglia la presenza dell’anima, rischiamo di perderci nella notte. Attribuire un significato negativo alla confusione, al buio, alla tristezza, a tutto ciò che è oltre la Grande…

  • Mindfulness Immaginale e Shinrin Yoku

    Shinrin-Yoku: Iki

    Principi dell’Estetica Giapponese: Iki Iki: eccellenza, bellezza che non si può vedere o toccare Etimologicamente, l’Iki ha una radice che significa puro e non edulcorato. L’Iki può esprimere un tratto personale o un fenomeno artificiale che presenta la volontà o la consapevolezza umana. Non è utilizzato per descrivere fenomeni naturali ma può essere espresso nell’apprezzamento umano della bellezza naturale o…

  • Mindfulness Immaginale e Shinrin Yoku

    Shinrin-Yoku: Miyabi

    Principi dell’Estetica Giapponese: Miyabi Miyabi la bellezza della quiete, nella quale è possibile vedere la bellezza Nel giapponese moderno, la parola è tradizionalmente tradotta con “eleganza”, “raffinatezza” o “cortesia” e talvolta si riferisce a un “rubacuori”. Miyabi indica la bellezza della quiete o la quiete come dimensione in cui è possibile gustare la bellezza. La quiete presuppone essenzialità poiché la…

  • Mindfulness Immaginale e Shinrin Yoku

    Nel silenzio in chiave immaginale

    Il silenzio non è semplicemente non parlare. Il silenzio è ascoltare profondamente, è un’altra cosa. I suoni sono la superficie dei significati, sei in silenzio quando sei connesso con il significato più profondo delle cose, puoi esserlo anche parlando, cantando o danzando, ma devi saper ascoltare il significato profondo delle cose. Lascia che la vibrazione del suono penetri in te…

  • Mindfulness Immaginale e Shinrin Yoku

    Shinrin-Yoku: Yugen

    Principi dell’Estetica Giapponese: Yugen “Yugen” tradotto letteralmente significa “leggermente scuro” e sta ad indicare il fascino di tutte le cose in penombra, è la luce oscura, è la bellezza di ciò che rimane nell’ombra. Yugen può essere considerato, tra le recondite idee estetiche giapponesi, la più ineffabile. Il termine è stato trovato per la prima volta in testi filosofici cinesi,…

  • Mindfulness Immaginale e Shinrin Yoku

    Shinrin-Yoku: Jo-ha-kyu

    Principi dell’Estetica Giapponese: Jo-ha-kyu Jo-ha-kyu – giusto ritmo e giusto momento Jo-ha-kyū è un concetto di modulazione e movimento applicato ad un’ampia varietà di arti tradizionali giapponesi. Approssimativamente tradotto con “inizio, interruzione, rapido”, inferisce un ritmo che parte lentamente, accelera e quindi finisce velocemente. Questo concetto si applica agli elementi della cerimonia del tè giapponese, al kendō, al teatro tradizionale.…

  • Mindfulness Immaginale e Shinrin Yoku

    Meditare in cammino

    La meditazione camminata è una tecnica che unisce meditazione e movimento. Lo Shirin – Yoku, che ricomprende tra le attività principali anche questa pratica, dell’immersione nella natura, nasce in Giappone dalle pratiche degli sciamani Yamabishi (letteralmente: colui che si trova/si nasconde tra le montagne) che sono dei monaci asceti giapponesi che vivono come eremiti tra le montagne. Essi seguono le…

  • Mindfulness Immaginale e Shinrin Yoku

    Shinrin-Yoku: Wabi Sabi

    Principi dell’Estetica Giapponese: Wabi Sabi Wabi Sabi – Imperfezione e incompletezza nella natura e nella nostra vita Il significato attuale di Sabi può derivare dai termini: sabu, rallentare, scomparire susabi, desolazione sabiteru, arrugginire, invecchiare sabishi, solitario. Il termine Wabi deriva da vago o perduto. Viene anche indicato come l’estetica della povertà, riferendosi all’idea buddhista della soddisfazione per il poco e…

error: Il contenuto del sito è protetto, non sei autorizzato al click destro del mouse!