• Psicologia

    L’obesità accelera il declino cognitivo

    Il grasso in eccesso pesa sulla bilancia, ma anche sul cervello, tanto che le persone obese hanno un declino cognitivo più veloce rispetto a chi non ha chili di troppo. Un declino molto più veloce: precisamente, del 22,5 per cento. La notizia arriva da uno studio pubblicato su “Neurology” e condotto dall’Inserm di Parigi, che ha coinvolto 6400 persone dell’età…

  • Psicologia

    Profili cognitivi nel disturbi dello sviluppo intellettivo

    La pura e semplice misura del QI fornisce dati poco fruibili nella pratica clinica con persone affette da disabilità intellettiva, che possono mostrare profili del tutto diversi tra loro, risultanti dalla combinazione di varie funzioni cognitive. Nell’ultimo decennio diverse ricerche hanno cercato di mettere in correlazione le principali sindromi genetiche associate a ritardo mentale con determinati fenotipi cognitivi; caratteristiche osservabili,…

  • Psicologia

    Un team di psicologi a sostengo delle “vittime” della crisi

    Firmata una convenzione tra l’Ordine professionale Veneto e l’associazione Speranzaallavoro Piccoli imprenditori, esasperati lavoratori che perdono il posto: una risposta a chi è in difficoltà e si sente solo Un intero ordine professionale si mette a disposizione per dare il proprio contributo nel tentativo di ”ammortizzare” l’impatto devastante della crisi sulla società veneta, che già conta le sue vittime e…

  • Psicologia

    NDE – dall’esperienza del neurochirurgo Eben Alexander

    Eben Alexander è un neuoruchirurgo di Harvard e vanta un curriculum di tutto rispetto. Durante la sua carriera medica, ha visto e sentito spesso raccontare storie simili, storie che aveva sempre prontamente respinto. Come egli stesso ha dichiarato a Newsweek, ‘Come neurochirurgo, non credevo alle Nde e ho sempre preferito le ipotesi scientifiche’.

  • Psicosomatica

    Colite

    Eliminare con forza le parti inaccettabili di sé. Termine generico che spesso è associato a mal di pancia, dolori, tensioni, scariche diarroiche, talvolta si ritiene di aver contratto un’infezione intestinale a causa di cibi, parassiti o batteri oppure si pensa sia correlabile allo stress, all’ansia e alla tensione. L’intestino è il luogo dove speriamo di nascondere gli istinti e i…

  • Psicosomatica

    Tachicardia

    II termine tachicardia (dal greco tachys = velocità e Kardia = cuore) significa letteralmente “cuore veloce” e la patologia si presenta, infatti, quando il ritmo cardiaco raggiunge una frequenza superiore ai cento battiti al minuto. La tachicardia può essere dovuta a: cause fisiologiche, reazioni del cuore a patologie non cardiache, malattie cardiache, ansia, stress, farmaci, febbre…

  • Psicosomatica

    Vertigini

    Esplosione di conflitto tra istinto e ragione Sensazione di movimento oscillatorio del corpo e di conseguente instabilità, provoca l’impressione che il mondo ci ruoti attorno e di avere difficoltà a restare in posizione eretta. Le vertigini possono essere accompagnate da nausea e/o tachicardia. Se non sono correlabili a particolari patologie neurologiche, vascolari, otovestibolari, dovute a lesioni o ad artrosi, le…

  • Psicosomatica

    Asma

    Malattia infiammatoria delle vie polmonari caratterizzata da crisi respiratorie, con sibili e difficoltà sia nell’inspirazione che nell’espirazione, tosse secca e senso di soffocamento. Disturbo che in genere a associato a forme allergiche, alle polvere, ai pollini, ecc. si tratta quindi di ipersensibilità dell’apparato respiratorio.

  • Psicologia

    Blaslerhof

    Oggi ho pensato di darvi qualche consiglio extra, perché parlare sempre di disturbi di un tipo o dell’altro? Ora che si avvicina l’estate abbiamo tutti voglia di staccare un po’ rilassandoci e divertendoci. E poi prenderci cura di noi è la prima cosa per puntare ad un vero benessere totale.

  • Psicologia

    Silenzio

    Silenzio… scrivere o parlare del silenzio sembra un paradosso… la miglior cosa forse sarebbe tacere. Provare quella pace, o per la necessità di concentrarsi.…, o quel imbarazzo che ne deriva quando lo si condivide con qualcuno,