Categorie

  • Medicina Complementare (15)
  • Psicologia Forense (4)

Mission

“Le parole hanno il potere di distruggere e di creare

 Quando le parole sono sincere e gentili possono cambiare il mondo”.

  Buddha

La Creazione come immagine del Vangelo di San Giovanni “in principio era il Verbo, il Verbo era presso Dio e il Verbo era Dio … E il Verbo si fece carne e abitò in mezzo a noi”

 

Ricevo per appuntamento,

 colloqui e sostegno psicologico per disagi psichici e/o psicosomatici

con interventi individuali, familiari e/o di coppia.

 

L’Organizzazione Mondiale della Sanità (O.M.S). ha definito il concetto di salute come valore essenziale: “La salute è uno stato di completo benessere fisico, psichico e sociale e non solo l’assenza di malattie e infermità; il raggiungimento dello stato di salute ottimale è un diritto umano fondamentale” ed aggiunge che lo stato di vera salute “è presente quando ogni persona può sentire di realizzare i propri progetti nella vita”.

L’idea di riuscire non solo ad aiutare il prossimo ma anche a prevenire i disagi e di vivere in armonia con il mondo mi ha sempre affascinata.

L’osservazione dell’essere umano con una visione “aperta” mi ha confermato l’esistenza di un modello che sottende alcune leggi che regolano la natura e la nostra vita.

Quando si parla di leggi cosmiche il passo successivo è parlare dell’Anima. L’Anima è la forza che dirige tutte le funzioni dell’essere umano.

Non si accede facilmente ai territori della psiche con ragionamenti ordinari, bisogna pensare naturale, ragionare naturale.. Ogni organo è un archetipo, un’immagine, un’emozione, un sentimento. Il cervello li inonda tutti fornendogli le “sostanze” per esistere.

L’O.M.S. parla di salute non solo come “l’assenza di malattie e infermità “, quindi non solo come assenza di sintomi, infatti, questi sono solo il primo segnale del corpo che qualcosa è uscito dal naturale equilibrio, il nostro equilibrio, di ognuno di noi, come individuo unico in questo Universo.

Se anziché coprire il sintomo impariamo a guardare alle malattie e ai disagi non come accidenti dell’Io ma come fatti cosmici, rinunciando al nostro modo unilaterale di vedere il mondo, affidandoci alle soluzioni dell’Anima, guariamo prima.

L’anima vive nel presente, perché questo corpo ci permette di essere “qui e ora” a fare questa esperienza e solo così possiamo cogliere tutte le informazioni per vivere bene ogni singolo istante e programmare al meglio il nostro futuro (per approfondire questo tema vi rinvio all’articolo ‘Percezione del Tempo’).

Con lo studio della psicologia ho scoperto nell’uso della parola uno strumento importantissimo che cercherò di illustrarvi qui di seguito.

Mi piace far notare che le parole possono avere un impatto superiore a quello che comunemente si tende a pensare. Provate, per fare una esempio, a ripetere mentalmente questa frase:

–         magari potessi partire domani

Ascoltate le sensazioni suscitate da questa affermazione e osservate se vi sentite o non vi sentite di farlo in un modo abbastanza forte.

Ora dite, sempre con la vostra voce interiore, le frasi seguenti, una alla volta.

Fermatevi dopo ognuna di esse e prendete coscienza delle sensazioni che provate e delle differenze tra l’una e l’altra.

–         mi piacerebbe partire domani

–         voglio partire domani

Prendete nota, se potete della differenza. Ora dite

–         devo partire domani

–         devo assolutamente partire domani

–         ho bisogno di partire domani

–         posso partire domani

–         partirò domani

Notate la differenza tra l’una e l’altra, cambiando solo una parola.

Queste sono solo parole…

Ora ecco la cosa più interessante:

–         sono sul punto di partire domani

Notate la differenza, prendete coscienza della sensazione e cercate di capire se l’immagine che si crea è un film o un fotogramma, se è a colori o in bianco e nero, quanto è distante da voi e se vi vedete o meno nell’immagine.

Tutto ruota attorno al verbo partire. Quando il verbo entra in modalità attiva e quando si usa il tempo presente, l’intenzione riguardo all’azione cambia.

Dato che esiste solo il momento presente, usare il tempo presente del verbo nella frase cambierà la motivazione verso l’azione, se è programmata per avvenire in un tempo diverso da quello attuale.

Ora proviamo:

–         parto domani

Notate quello che accade. Se avevate immaginato “una fotografia” molto probabilmente questa si trasforma in un “film”, continua fino alla fine e voi programmate cosa state facendo domani….

Infatti un altro ingrediente è che le persone entreranno in azione con più probabilità quando vedranno il film svolgersi fino alla fine, passando attraverso la possibilità di maggiore soddisfazione

E se qualcuno di voi non riesce a creare immagini, provi a ricordare il momento più divertente che ha vissuto quando era ragazzo/a.

Provi a descriverlo.

Forse il ricordo emerge per immagini e lo state descrivendo muovendo le mani?

La parola è semplice e potente…

Un approccio saggio è quando le conoscenze del passato confluiscono in un unico modello, olistico.

Al potere delle parole allora si uniscono l’osservazione del detto e non detto, dei tempi, il sostegno al silenzio, le conoscenze scientifiche e di discipline millenarie, per comprendere le tipologie costituzionali, i temperamenti, le affinità nei rapporti sociali ed affettivi, per aiutare ognuno di noi a ritrovare le sue potenzialità e la strada del benessere e della felicità.

La felicità è il segnale più importante della nostra vita, è uno stato d’animo dovuto alla percezione che siamo in grado di realizzare i nostri progetti di vita con un senso d’amore e libertà.

p.s.: Ho riportato la frase del Buddha perché le parole possono avere una diversa energia, una parola può portare speranza agli ammalati e conforto ai disperati, può far cambiare il respiro, il battito del cuore e il nostro sentire…

 

(citazioni da: dott. N. Butto, dott. R. Morelli, PNL .Bandler, La Valle)